'u cori nun pritenni - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

'u cori nun pritenni

Poesie




Ppujatu ‘nt’a sipala ‘i petra a siccu,
aspettu ca cumpari, luna china;
lu vogghiu diri a tia chiddu ca sentu,
chiddu ca ardi dintra lu me cori.
Aspettu ca t’affacci ‘n capu ‘u poiu,
e quannu lu chiarìu mi fa vidìri
sti manu ca ti fannu 'na carizza,
tu sai chiddu ca  ha fari, luna amica:
tu sai a ccu purtalla sta ducizza.
Se idda ti dumanna d’unni  veni,
e si voli risposta sta ‘mmasciata,
tu dicci ca lu cori nun pritenni
e nun limusinìa …menza vasata.
E nun turnari cchiu,ca nun mi trovi.
Si inveci ti talìa tutta ‘ffruntata,
e strinci 'i manu a pugnu supra ‘u pettu,
torna di cursa cca, luna ruffiana!
Torna di cursa cca! …iu  cca t’aspettu.
©

Filippo Bozzali -   www.coltempo.com

 

Traduzione
Il cuore non pretende
Appoggiato in un muretto di pietra a secco,/ aspetto che compari, luna piena;/ lo voglio dire a te quello che sento,/ quello che arde dentro il mio cuore./ Aspetto che ti affacci da sopra il colle,/ e quando il chiarore mi farà vedere/ queste mani che ti fanno una carezza,/ tu sai cosa devi fare, luna amica:/ tu sai a chi portarla questa dolcezza./ Se lei ti chiederà da dove viene,/ e se pretende una risposta questa ambasceria,/ tu dille che il cuore non pretende/ e non elemosina …un mezzo bacio./ E non tornare più, perché non mi troverai./ Se invece (lei) ti guarda con pudore,/ e stringe le mani a pugno sul petto,/ torna di corsa qua, luna ruffiana!/ Torna di corsa qua! …io qua t’aspetto.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu