'u lupu - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

'u lupu

Poesie






(parra l'omu)
L'omu e l'armali, di chi munnu è munnu,
hannu campatu di comuni accordu
s'hannu aiutatu, s'hannu rispittatu
s'hannu spartutu lu travagghiu e ‘u sonnu.
Si primiari avissi quarchi armali,
lu primu postu lu darìa a lu cani,
poi veni ‘u mulu, ‘u iattu, lu maiali,
pecuri, vacchi, crapi e puddicini.
Lu cani ca difenni lu patruni,
lu mulu ca lu porta a travagghiari,
lu iattu ca li surci fa scappari.
Lu porcu ca nun reggi ‘n parauni.
Però si c'è n'armali di scartari,
chissu è lu lupu, vili e senza cori.
ammazza crapi, vacchi e picurari,
jttannu li famigghi ‘nto duluri.
Cummogghilu ccu vesti assai eleganti,
fallu d'argentu, d'oru, di diamanti,
ma lupu resta e si ti pò azzannari
t'azzanna senza fàriti ciatàri.
Scannari ppi lu lupu è naturali,
l'avi ‘nto sancu, nun si pò frinari:
l'istintu lu trascina, nun sapennu
ca li spirtizzi so li scunta o ‘nfernu.
Crudeli comu iddu è iddu sulu;
ammazza ppi livarisi lu sfiziu:
chi vuliti ! ‘u lupu perdi ‘u pilu,
ma nun s'ha dittu mai ca perdi ‘u viziu.

(riflessioni di lupu)
Sintiti ‘nzoccu ha sentiri n’armali!
Parrassi unu bonu, armenu poi...
Sintennu l’omu è comu quannu u voi
dici curnutu ‘o sceccu: tali e quali.
Dici crudeli a mia, ca ppi manciari
(non tantu iu, ma li me lupareddi)
scinnu di notti jusu a trafichiari
sperannu di sarvari baddi e peddi;
e tanti sunnu ‘i voti ca tastiu
fami, duluri, friddu e  vacantumi.
E parra iddu, parra… ‘ranni Diu!
ca la cuscenza ‘a ‘mpasta di marciumi
e ppi sarvari a facci e ‘a massaria
si lurdi ‘i manu ‘i sancu e ‘ncurpa a mia.
Attenti lupareddi! E ricurdati
‘u cuntu di Cainu e di so’ frati:
fami di sordi, siti di ricchizza,
putiri, robba d’atri e gran futtìu.
L’omu è cainu, figghi! È senza priju
Iu sugnu lupu, è veru… è la me razza.
Chianciu alla luna li piccati fatti
ma nunn’ ammazzu figli, frati e amanti.
La dignità nun la misuru a patti
e nun l’accattu ccu li tradimenti.
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 



Traduzione
Il lupo  
(parla l‘uomo)
L’uomo e l’animale, da che mondo è mondo/ hanno campato di comune accordo/ si sono aiutati, si sono rispettati,/ hanno condiviso lavoro e sonno./Se premiare dovessi qualche animale,/ il primo posto lo darei al cane, /poi viene il mulo, il gatto, il maiale,/ pecore,vacche,capre e pulcini. /Il cane perché difende il padrone, /il mulo che lo porta a lavorare, /il gatto che fa scappare i topi,/ il maiale che non regge in paragone./ Però se c’è un animale da scartare, /questi è il lupo, vile e senza cuore. /Ammazza capre,vacche e pastori,/ gettando le famiglie nel dolore. / Coprilo con vesti assai eleganti,/ fallo d’argento, d’oro, di diamanti,/ ma lupo rimane, e se ti può azzannare,/ ti azzanna senza farti fiatare ./ Crudele come lui è lui soltanto: /ammazza per togliersi lo sfizio:/ che volete! Il lupo perde il pelo,/ ma non s’è detto mai che perde il vizio.
(riflessioni di lupo)
Sentite cosa deve sentire un animale!/ Parlasse uno buono, almeno poi… /Ascoltando l’uomo è come quando il bue/ dice cornuto all’asino:tale e quale ./ Dice crudele a me, che per mangiare/ (non tanto io, ma i miei lupetti) /scendo di notte a valle per trafficare, /sperando di salvare le palle e la pelle,/ e tante sono le volte che acchiappo / fame, dolore, freddo e vuoto. /E parla lui, parla… oh grande Dio! /che impasta la coscienza di marciume, / e per salvare la faccia e la proprietà, /si sporca le mani di sangue e incolpa a me./ Attenti, lupetti, e ricordate /il racconto di Caino e di suo fratello: /fame di denaro, sete di ricchezza, /potere, roba degli altri, gran ruberie. / L’uomo è Caino, figli! È senza pregi. / Io sono lupo, è vero… è la mia razza, /piango alla luna i peccati commessi, /ma non ammazzo figli,fratelli e amanti. /La dignità non la misuro a condizioni, /e non la compro con i tradimenti.

Torna ai contenuti | Torna al menu