Corso di poesia per poeti analfabeti - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Corso di poesia per poeti analfabeti

Poesie


Mi limitai a dirgli: “Non preoccuparti. Non importa se non sai leggere e scrivere. Io scriverò per te: metterò su un foglio di carta i tuoi versi,  e poi te li restituirò con tutto il foglio, così rimarranno a te e conserverai in tasca la tua  poesia.”
La proposta sembrò interessarlo, non fosse altro che per curiosità.
“Iniziamo, Don Giuseppe… dimmi, secondo te, cos’è l’amore.”
Don Giuseppe iniziò a parlare, ed io scrivevo. Alla fine gli lessi quello che avevo scritto:

“L'amore è come un grosso macigno
che ti pressa lo sterno.
Però non è dolore: è patimento,
ma non  ti azzarderesti mai ad allontanarlo.
Non mangi più, perché non esiste mangiare
che ti possa saziare da questa grande fame;
non bevi più, perché per questa grande sete
non basterebbe neanche l’acqua che è nel mare.
Ti basta solo sentire il tuo respiro,
e sai che ancora vivi in questo mondo;
e se l’amore tuo ti corrisponde,
capisci perché  ancora sei in vita, e sei contento.”

Finita la lettura, Don Giuseppe rimase un po’ perplesso. Volle che la rileggessi ancora una volta,  e poi mi disse:
“ma accussì cu ‘u capisci ca è ‘na puisia? E d’unni si capisci ca è d’amuri?” (ma così chi lo capisce che è una poesia? E da dove si evince che è d’amore?)
“Scrivila comu parru iu, fammi ‘u favuri, sennò strazza ‘sta carta. Cu ‘u sa? Forsi è ppi chissu ca nun m’haiu ‘mparatu a scriviri: pensi di ‘na manera, e dopu scrittu, leggi tutt’autra cosa, e nun ci capisci nenti…” (Scrivila come parlo io, fammi questo favore, altrimenti strappala quella carta. Chi lo sa? Forse è per questo che non ho mai voluto imparare a scrivere: pensi in un modo e, dopo scritto, leggi tutt’altra cosa, e non ci capisci più nulla).

Gliela riscrissi come lui l’aveva pensata e detta.

“L’amuri è comu un grossu massu,  
ca ti  teni munciuta ‘a ‘ucca ‘i l’arma.
Però nunn’è duluri: è patimentu,
e nun ti risichii di ‘lluntanallu.
Nun mangi cchiù, pirchì nun c’è mangiari
ca ti pò saziari ‘sta gran fami;
nun vivi cchiù, pirchì ppi ‘sta gran siti
nun basta mancu l’acqua di lu mari.
Ti basta sulu sentiri ‘u tò sciatu
e sai ca ancora campi ‘nti stu munnu;
e si l’amuri tò ti duna cuntu,
capisci pirchì campi, e si cuntentu.”


Sorrise triste, mi guardò con dolcezza,  e facendo per girarsi e andarsene, mi disse:
“ Mi piaci! Ora la ricanusciu! …cridìa ca ’u duluri ‘nta ‘ucca ‘i l’arma,  ccu l’anni assu passatu, ma ora sacciu ca ‘u massu è sempri dda, e nun si tuculìa mancu cch’e bummi!” … dammilla sta carta! (Mi piace, ora la riconosco! …credevo che il dolore allo sterno -nella bocca dell’anima- col tempo sarebbe passato, ma ora so che il masso è sempre lì, e non si smuove  neanche con le bombe!) … dammela questa carta!  
©


Filippo Bozzali - www.coltempo.com


Enza Di Martino - Gnaziu - olio su tela 80 x 100 (collezione privata)
 
Enza Di Martino - Ritratto di Gnaziu - olio su tela 45 x 55 (collezione privata)
Torna ai contenuti | Torna al menu