Negghia - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Negghia

Poesie


Senza sonnu, assittatu a pedi ‘i lettu,
vidu la negghia fora la finestra
ca fa passari sulu un filu ‘i luci,
forsi un lampiuni, forsi ‘na vitrina,
comu a vuliri diri ca la vita
scurri lu stissu senza ca la vidi.
E mi ricordu quannu, picciriddu,
passavu li manuzzi supra ‘e vitra
vagnati di vapuri, e accumpariva,
comu d’incantu , comu ppi magia,
‘a strata unni crisciu la vita mia.
‘u tempu nun bastava mai e poi mai:
c’era sempri ‘na cosa di vidìri,
‘na cosa di sintìri, una di fari:
se lu munnu girava tali e quali,
la mia età vulava supra l’ali.
E senza ca m’accorgiu mi ritrovu
dopu tant’anni a fari ‘a stessa mossa,
ma stavota lu vitru nun si spanna:
i ricordi si perdunu luntanu,
la negghia, fora, è  fitta chiu di prima,
e a nenti servi ‘na passata ‘i manu.
©


Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 


Traduzione:
Nebbia
Senza sonno, seduto ai piedi del letto/ vedo la nebbia fuori dalla finestra/ che fa passare solo un filo di luce,/ forse un lampione, forse una vetrina,/ come a voler dire che la vita/ scorre lo stesso senza che la vedi./ E mi ricordo quando, piccolino,/ passavo le manine sopra i vetri/ bagnati di vapore, e compariva,/ come d’incanto, come per magia,/ la strada dove crebbe la mia vita./ Il tempo non bastava mai e poi mai:/ c’era sempre qualcosa da vedere,/ qualcosa da sentire, una da fare:/ se il mondo girava tale e quale,/ la mia età volava sulle ali./ E senza che mi accorga mi ritrovo/ dopo tanti anni a fare la stessa mossa,/ ma stavolta il vetro non si spanna:/ i ricordi si perdono lontano,/ la nebbia, fuori, è fitta più di prima/ e a nulla serve una passata di mano.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu