Sciuriddu - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sciuriddu

Poesie






Sciuriddu ca ti rapi la matina,
e ‘u suli ti quarìa tuttu miatu,
ti tegnu ‘ntra li manu , ti talìu,
quantu si nicu, duci e profumatu.
Comu vulissi ca mentri ti parru
‘u suli mi facissi, ppi magia,
accumpariri, frisca e delicata,
la risatedda di l’amata mia.
Se fussi cca ccu mia sai chi facissi?
'n capu sta manu ci mittissi a tia,
ccu l’atra ci facissi 'na carizza,
e poi vulissi vidiri de' dui
cu si prijassi prima se dicissi…
Sciuriddu ca ti rapi la matina…
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 
 


Traduzione  
Fiorellino
Fiorellino che sbocci di mattina / E il sole ti riscalda tutto beato(ammirato), / ti tengo tra le mani, ti osservo, / quanto sei piccolo, dolce e profumato. / Come vorrei che, mentre ti parlo, / il sole mi facesse, per magia, / comparire, fresco e delicato, / il sorriso dell’amata mia. / Se fosse qua con me sai che farei? / Su questa mano metterei te, / con l’altra le farei una carezza / e poi vorrei vedere, fra voi due, / chi si compiacerebbe per primo se dicessi… / Fiorellino che sbocci di mattina.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu