Stidda ca cadi - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Stidda ca cadi

Poesie


Mi votu e mi rivotu senza sonnu
supra stu lettu ranni a dismisura.
Nun c’è rizzettu dintra lu me cori,
nun regna paci ‘ntra sti quattro mura.
Tastiannu m’avvicinu a la finestra,
e vidu ‘n luntananza ‘nu chiarìu:
focu taliàtu brucia la restuccia,
‘a cinniri si ‘mmisca ccu la terra
e si fa terra vergini e maistra:
…è terra di frumentu prumintìu.
Chiudu ‘a finestra, mi levu di davanti:
“Unn’è l’amuri miu? Dicitimmillu!
Pirchì sti vrazza strinciunu vacanti?
Pirchì stu focu avvampa lu me cori?”
                 ………
Susi la testa l’omu ccu la zappa
e vidi ‘n luntananza ‘nu chiarìu,
ma nun si fa persuasu d’unni veni:
“Stidda ca cadi?, ‘u sapi sulu Diu!”
Torna a talìari ‘u focu ca si brucia,
torna a zappari ‘u stagghiu limitanti,
ma lu pinseri so vola luntanu…
“Stidda ca cadi? O stidda ca nascìu?
Com’è ca scunpariu tutt’ a ‘na vota
‘dda luci ca pirciava la nuttata?
Chi cosa strana, chi turmentu anticu…
Stidda ca cadi, esprimu ‘nu disìu…
Vulissi… ppi ‘na vota ‘n vita mia
àrdiri di passioni comu a tia.”
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 

Traduzione:
Stella cadente
Mi giro e rigiro senza prender sonno/su questo letto grande a dismisura/non c’è calma dentro il mio cuore/non regna pace tra queste quattro mura./A tentoni mi avvicino alla finestra/e vedo in lontananza un chiarore/ fuoco pilotato(controllato) brucia la stoppia/ la cenere si mischia con la terra/e si fa terra vergine e magistrale/… è terra per frumento precoce./Chiudo la finestra, mi sposto dal davanzale/”Dov’è l’amore mio? Ditemelo!/ Perché queste braccia stringono il vuoto?”/Perché questo fuoco avvampa il mio cuore?”/ ………./ Alza la testa l’uomo con la zappa/e vede in lontananza un chiarore/ma non si fa persuaso da dove proviene:/”Stella cadente? lo sa solo Dio!/ Torna a controllare il fuoco che brucia/torna a zappare la striscia che lo circoscrive/ma il suo pensiero vola lontano:/”Stella che cade? O stella appena nata?/Com’è che è scomparsa tutt’ad un tratto/quella luce che perforava la notte?/ Che cosa strana… che tormento antico…/Stella cadente,esprimo un desiderio:/ Vorrei.. per una volta in vita mia/ardere di passione come te.”

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu