Tre baci - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tre baci

Poesie


Uno sulle tue labbra,
profumu di cannedda,
duci di meli, sapuri prelibatu,
ca quannu la to lingua mi trapassa
sentu lu sancu divintari focu
e scurri ‘n funnu e avvampa la passioni.
Uno sul seno tuo,
ca l’occhi mai su stanchi di taliari:
biddizza ca Biddizza nun  pussedi,
carizzi ccu li parmi di li manu
e buttunedda fatti di turruni
ca nun ti poi saziari.
L’ultimo bacio, poi,
davanti a tia mi vidi ‘nginucchiari.
Sentu supra la testa li to manu,
tremu di desideriu, e appena la me lingua
vagna la carni to e va a ‘nquitari
la cirasedda russa,
eccu ca tremi e avvampi.
No, bedda mia, no: nun mi priari!
E’ siti ranni, ‘a mia. Siti d’amuri.
©

Filippo Bozzali -  www.coltempo.com

 

Traduzione
Tre baci.
Uno sulle tue labbra,/ profumo di cannella,/dolce di miele, sapore prelibato,/che quando la tua lingua mi trapassa/ sento il sangue diventare fuoco/ e scorre verso il basso e avvampa la passione./ Uno sul tuo seno,/che gli occhi mai sono stanchi di guardare:/bellezza che (la stessa Dea) Bellezza non possiede,/carezze con le palme delle mani/ e capezzoli fatti di torrone/che non ti puoi saziare./ L’ultimo bacio, poi/davanti a te mi vede inginocchiare./Sento sopra la testa le tue mani,/tremo di desiderio, e appena la mia lingua/bagna la carne tua e va ad inquietare/la ciliegina rossa,/ecco che tremi e avvampi./No,bella mia,no: non mi pregare!/E’ sete grande,la mia. Sete d’amore.

Torna ai contenuti | Torna al menu