A li pueti nichi - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

A li pueti nichi

Poesie


A li pueti nichi comu a mia
ca nun cercanu frizzi e vanagloria,
dedicu sta nuttata e sta puisia
ca nasci squitannu la memoria.
C'è genti ca rimina li paroli
comu fussiru carti di trissetti,
cumminti ca chiu fannu cunfusioni
chiu su tinuti 'n cuntu li so scritti.
C'è poi cu si camuffa a Patreternu
e detta puru li cumandamenti,
pirchì iddu sulu sapi la ricetta
ca fa campari e viviri cuntenti.
Senza cuntari poi l'archi di scienza
ca scrivunu i segreti di lu munnu
e scinnunu di supra 'o piedistallu
sulu quannu 'u bicchinu… scava funnu.
Ma ppi furtuna c'è cu si ni futti,
e scrivi comu parra, vivaddìu!
La vita, chianci o ridi, pocu 'mporta:
basta tanticchia 'i suli e mi quadìu.
Dormu di gustu e mangiu cu pitittu,
scrivu di gettu e chiamu "poesia"
sti quattru paruleddi ca liggiti..
scritti di cori comu piaci a mia.
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 



Traduzione:
Ai poeti piccoli

Ai poeti piccoli come me/ che non cercano frivolezze e vanagloria/ dedico questa nottata e questa poesia/    che nasce sollecitando la memoria./ C'è gente che mescola le parole/ come fossero carte da tressette,/       convinti che più fanno confusione/ più sono tenuti in conto i loro scritti./ C'è poi chi si maschera da         Padreterno/ e detta anche i comandamenti,/ perché lui solo conosce la ricetta/ che fa campare e vivere contenti./ Senza contare poi gli archi di scienza/ che scrivono i segreti del mondo/ e scendono da sopra il piedistallo/ solo quando il becchino… scava fondo./ Ma per fortuna c'è chi se ne frega/ e scrive come parla, vivaddio! La vita, piange o ride, poco importa:/ basta un pizzico di sole e mi riscaldo./ Dormo di gusto e mangio con appetito,/ scrivo di getto e chiamo "poesia"/ queste quattro paroline che leggete…/ scritte di cuore, come piace a me.

 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu