Caliti juncu - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Caliti juncu

Poesie


Càliti juncu ca passa la china.
Diu Santu! Quant’è veru stu proverbiu.
Ma sbagghia cu strasenti e pensa stranu,
cu nun capisci o finci di capiri.
L’animu sicilianu è comu ò juncu:
s’‘u ventu sciuscia pianu si rifrisca,
si chiovi senza dannu sì ‘bbivìra.
E quannu d’improvvisu, di lu mari,
s’addensanu timpesti di conquista
(chiamali greci o turchi o saracini,
francisi, catalani o peggio ancora
borbonici, ‘taliani o americani),
stannu tanticchia ‘cca, pajunu daziu,
portanu  arti, musica e ricchizza,
si scannanu ‘ntra d’iddi e si ni vannu.
Robbunu tantu, ma lassanu assai.
E quannu ‘u suli torna a rivigghiari
sta terra ca si cridunu di tutti,
t’accorgi ca la china è già passata:
cunti li morti ‘n terra, li sutterri,
poi susi l’occhi e vidi ca ‘ntra tutti
sulu lu juncu è tisu e sciumazzìa.
Lu juncu ca la china nun sradica,
lu juncu ca si cala e mai si ‘ncula.
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 


Traduzione

Calati giunco
Calati giunco che passa la piena./Dio Santo! Quanto è vero questo proverbio. / Ma sbaglia chi strasente e pensa strano,/chi non capisce o finge di capire. / L’animo siciliano è come il giunco:/se il vento soffia piano si rinfresca,/se piove senza danni si irrora./E quando d’improvviso,dal mare,/s’addensano tempeste di conquista/(chiamali greci o turchi o saraceni,/francesi, catalani o peggio ancora/ borbonici,italiani o americani)/stanno un po’ qua, pagano dazio,/ portano arte, musica e ricchezza,/si scannano tra di loro e se ne vanno. / Rubano tanto, ma lasciano assai./E quando il sole torna a risvegliare/ questa terra che credono essere di tutti,/ ti accorgi che la piena è già passata:/ conti i morti per terra, li seppellisci,/poi alzi gli occhi e vedi che,tra tutti/ solo il giunco è teso e si sollazza./Il giunco che la piena non sradica,/il giunco che si flette e mai si inchina.

Torna ai contenuti | Torna al menu