L'omopoliticu - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

L'omopoliticu

Poesie


L’omopoliticu, caru cumpari, è armali spertu
e sapi unni ‘nzuppari i firringozza
sicchè suddu si susi e dici: “Smettu”,
vordiri c’avi chini i cannarozza.
Se dici “jornu”, certu pensa “notti”;
se pensa “llustru” certu dici “scuru”;
se dici “galantomu”,fatti forti:
ha pinsatu “mammaluccu” di sicuru.
Se parra cu paroli artosonanti
tannu vordiri ca nun sa chi diri,
oppuru ‘mmisca frasi assai importanti
quannu ca nun vò farisi capiri.
Giustamente iddu dici: “la cultura
devi aviri un postu preminenti!”
Ma allura, fazzu iu, l’agricoltura
vi pari giustu ca nunn’ avi nenti?
Possiri ca ognivota ca parrati
girati e rigirati la frittata
e cunfunniti cavuli e patati?
Chiu ca politica mi pari ‘na ‘nzalata!
Se tastassivu un pocu ‘i caristia
e v’imparassivu a parrari chiaru
‘a genti non dicissi “Vossignuria”
pinsannu ‘nta so testa …”Manciataru!”.
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 


Traduzione
L’uomopolitico
L’uomopolitico,caro compare,è animale intelligente/ e sa dove inzuppare i biscotti/ sicché, se si alza e dice: “Smetto!”/ vuol dire è pieno fino in gola./ Se dice “giorno” di certo pensa “notte”;/ se pensa “luce”di certo dice “buio”;/ se dice “galantuomo” fatti coraggio:/ ha pensato “mammalucco” di sicuro./ Se parla con parole altisonanti,/ allora significa che non sa cosa dire,/ oppure mischia frasi assai importanti/ quando che non vuol farsi comprendere./ Giustamente lui dice: “La cultura/ deve avere un posto preminente!”/ Ma allora, faccio io, l’agricoltura/ vi sembra giusto che non abbia niente?/ Può essere che ogni volta che parlate/ girate e rigirate la frittata/ e confondete cavoli e patate?/ Più che politica mi pare un’insalata!/ Se patiste un poco di carestia/ e imparaste a parlare chiaro/ la gente non vi direbbe “Vossignoria”/pensando nella sua testa.. “Ingordo!”

Torna ai contenuti | Torna al menu