Lassa ca l'acqua - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lassa ca l'acqua

Poesie
 

Lassa ca l’acqua lava li trazzeri,
linchi li jsterni, ‘ngrossa li saiuna.
Lassa ca scurri ‘n funnu a li vadduna
finu a la chiana, finu a la marina.
Lassa ca si ni trasi ’ntra la terra
arsa di suli, sciutta di maistrali.
Chiovimi ’n coddu, acqua!
Lava ‘sta carni!
Scava ‘sta peddi mia fatta di crita,
dura comu la timpa di la cava,
sicca d’arsura, avara di sapuri.
Si fangu mi plasmau, fangu ritornu.
Si terra mi nasciu, terra mi fazzu.
Lassa ca l’acqua lava ‘sta nuttata…
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 
 

Traduzione

Lascia che l’acqua…

Lascia che l’acqua lavi le stradelle / riempia le cisterne, ingrossi i canali / lascia che scorra in fondo alle vallate / fino alla pianura, fino al mare. / Lascia che si infiltri dentro la terra / arsa di sole, asciutta di maestrale. / Piovimi addosso, acqua! / Lava questa carne! / Scava questa mia pelle fatta di argilla / dura come la pietra della cava / secca d’arsura, avara di sapori. / Se fango mi plasmò, fango ritorno. / Se terra mi partorì, terra mi faccio / Lascia che l’acqua lavi questa nottata…

I° PREMIO DI POESIA "CIRCOLO EMPEDOCLEO"  AGRIGENTO - EDIZIONE 2004
1^ CLASSIFICATA - POESIA DIALETTALE: Lassa ca l’acqua…   
Motivazione:

Per l’energia descrittiva con cui viene messa a fuoco la terragna identità dell’uomo assetato di edeniche purezze, delle quali l’acqua è il simbolo perenne e insostituibile. Estasi e abbandono sono il filo conduttore di questo pathos esistenziale scandito con semplicità francescana e con quella padronanza lessicale che sa entrare in comunione con il linguaggio della natura.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu