Muddica di vita - le parole della notte

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Muddica di vita

Poesie


Me nannu spacca petri ppi misteri
e la carina scrusci ad ogni corpu;
quannu ci ‘ddumanai: ma chi ci ‘ncucchi
a la tò età ancora a travagghiari?
iddu si misi rittu e mi rispusi:
tò padri,babbu, morsi a quarant’anni
passati tra cannili e libri aperti,
pinsannu di truvari li paroli
ca canciunu lu munnu e li difetti.
Iu di paroli ni canusciu picca:
rispettu, dignità, fami, famigghia.
‘u vidi? Nun circari ad atri banni
chiddu ca la natura ti spalanca:
spaccu sta petra viva e mi la vinnu;
cu si l’accatta trova ‘u sò risparmiu;
ppi sira ‘mpaiu ‘u mulu e mi ni tornu
nta me casudda ca fu di tò nanna.
Nun penzu mali e mali nun ni fazzu:
nun jettu mai lu pani ca m’avanza,
ca ppi li puddicini è la sustanza.
Nun servi arca di scienza ppi capìri
ca finu a quannu esisti genti onesta
ca ‘mpasta ‘a terra ccu lu sò suduri,
quannu s’assetta e mancia fa muddica
e l’acidduzzi a Diu l’abbenedica.
E chiddu ca tu chiami spazzatura
ppi tanti è vita e priju di la natura.
Puru la morti, trista e giustiziera,
senti l’aceddi ca mi fannu festa;
cu tuttu ca la porta resta aperta,
si ferma, mi talìa e …nun m’aspetta.
©

Filippo Bozzali - www.coltempo.com

 
 
 
 


Traduzione
Mollìca …di vita
Mio nonno spacca pietre per mestiere/ e la schiena scricchiola ad ogni colpo;/ quando gli chiesi: ma chi te lo fa fare/ alla tua età ancora a lavorare?/ lui si mise dritto e mi rispose:/ tuo padre, scemo, morì a quarant’anni/ trascorsi tra candele e libri aperti,/ pensando di trovare le parole/ che cambiano il mondo e i difetti./ Io di parole neconosco poche:/ rispetto, dignità, fame, famiglia./ Lo vedi? Noncercare in altri posti/ quello che la natura ti spalanca:/ spacco lapietra viva e me la vendo;/ chi se la compra trova il suo risparmio,/la sera bardo il mulo e me ne torno/ nella mia casupola che fu di tua nonna./ Non penso male e male non ne faccio:/ non butto mai il pane che m’avanza,/ chè per i pulcini è il sostentamento./ Non occorre arca di scienza per capire/ che fino a quando esiste gente onesta/ che impasta la terra con il suo sudore,/ quando si siede e mangia fa mollica/ e gli uccellini a Dio la benedice./ E quello che tu chiami spazzatura/ per tanti è vita e pregio della natura./ Anche la morte, triste e giustiziera,/ sente gli uccelli che mi fanno festa,/ sebbene la porta rimanga aperta,/ si ferma, mi guarda e… non mi aspetta.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu